“Luoghi Comuni”: dalla Regione fondi per progetti di innovazione sociale

Prosegue il cammino del Pums
19 settembre 2017
Cipresso di viale Martiri dei Saraceni: incontro in Comune
20 settembre 2017

COMUNICATO STAMPA

“Luoghi Comuni”: dalla Regione fondi per progetti di innovazione sociale
Il Comune di Gravina in Puglia pronto a collaborare con i giovani progettisti
L’assessore Claudia Stimola: «Sosterremo la valorizzazione del nostro patrimonio»

La Regione sosterrà finanziariamente progetti di innovazione presentati da organizzazioni giovanili composte da under 35. Il Comune di Gravina è pronto a fare la sua parte, collaborando coi giovani progettisti.
Lo annuncia l’assessore comunale alle politiche giovanili, Claudia Stimola, all’indomani della presentazione di “Luoghi Comuni”, l’iniziativa promossa dalla giunta regionale per mettere in rete giovani ed enti locali promuovendo progetti rivolti al territorio ed alle comunità, in particolare attraverso la mappatura e la rivitalizzazione del patrimonio pubblico sottoutilizzato. «La misura – ricorda l’assessore Stimola – è riservata ad associazioni, cooperative e imprese con sede legale in Puglia, i cui organi direttivi siano composti in maggioranza da infratrentacinquenni. È stato creato un fondo di 10 milioni di euro: saranno finanziati progetti di importo fino a 40.000 euro, parte dei quali investibili anche in interventi di piccola manutenzione dello spazio acquisito in gestione». Perché il cuore di “Luoghi Comuni”, sottolinea l’assessore, è proprio quello «della valorizzazione di spazi pubblici in cui realizzare azioni progettuali che da un lato offrano opportunità anche lavorative ai giovani e, dall’altro, conducano ad un miglioramento dei territori attraverso il coinvolgimento delle comunità locali». Un obiettivo il cui raggiungimento il Comune di Gravina intende agevolare garantendo piena disponibilità ai partecipanti al bando: «I progetti dovranno avere per tema – ricorda l’assessore Stimola – beni del patrimonio comunale sottoutilizzato, una voce all’interno della quale rientrano, in linea teorica ed in via esemplificativa, palazzi storici, scuole, uffici, villette, stazioni. Per quanto ci riguarda, faremo di certo la nostra parte perché, nel confronto e con la collaborazione, si possa giungere anche nella nostra città a presentare un congruo numero di candidature al bando».
Maggiori dettagli su requisiti e modalità di partecipazione saranno resi noti dalla stessa Regione nei prossimi giorni, e comunque entro il 30 Ottobre, attraverso specifico avviso.
Gravina in Puglia, 20 Settembre 2017
Ufficio Stampa
Comune di Gravina in Puglia

ACCEDI AI SERVIZI